expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

Translate

quarta-feira, 12 de dezembro de 2012

Furtivo ed eterno amore









Fu la prima volta in un rapido sguardo che io t’incontrai, occhi su occhi in spaventosa meraviglia. Intimità sconosciuta, svolazzando il nostro scambio di sguardi, passione che soffoca e intriga la ragione, la logica più esatta sommerge la convinzione. Il perché essi soccombono per un’emozione impetuosa che i tuoi occhi m’ipnotizzano. Raggi invisibili lanciati dagli stessi invitano e sfidano la mia debolezza, chissà se sarà la tua bellezza? La soggettività dal tuo essere mi respinge e mi chiede di comprendere chissà se io sono nato per te. Mi hai fatto scoprire cosa significano la melodia e la poesia, l'intrigante verità di appassionarsi, anche se solo un’occhiata. I sentimenti hanno significati. Vorrei rimare nell'arcobaleno dei tuoi labbri donandomi interamente, con la poesia d'amore levitare e sognare che nella vita valeva la pena incontrarti. Come narra la legenda: "Ciò che è buono dura poco", cosi sei stato tu, sei cosi speciale che il tempo ti ha portata via, cosi preziosa che la fortuna ti ha invidiata, siccome sono un poeta, tu sei l´apogeo e l´inspirazione che mi ha consegnato questa professione. I tuoi occhi rubavano il mio intelletto e con esso tutte le parole, hai lasciato un sentire di emozioni lì dentro del petto, cosi confusi come si dice al cuore, così intoccabile che neanche la ragione arriva nei suoi limiti. Amore eterno, sul quale l'eternità si è fatta in piano immateriale, che ha passato e ha lasciato l'eternità seminata in una terra fino ad ora sconosciuta, la tua abitazione ha inserito le tue radici, la tua esistenza mi ha trasformato completamente e così semplicemente con un solo sguardo, mi ha fatto realizzare la mia debolezza o sarà la mia degna umanità di amarti?